Autore Topic: L'ODISSEA DEGLI SHARKS  (Letto 1166 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline carson

  • Heisman
  • ***
  • Post: 1.975
L'ODISSEA DEGLI SHARKS
« il: Giugno 21, 2011, 11:09:01 pm »
l'odissea di una trasferta, in poche parole, come si sposta una squadra di football proveniente dal sud italia. :doh:

posto qui una storia incredibile, una 2 giorni degli sharks palermo che hanno recentemente giocato i quarti di finale lenaf a bergamo vs i lions.

se avete 15 minuti leggete, davvero, perchè ne vale la pena...risate a gogo :ahahah:

ecco la storia, (tratto da endzone).

L'ANDATA:.

SHARKSTHLON VOLUME 0 - LA PREMESSA

Sono le 10 di una mattina come le altre, chiuso nella tranquillità delle mura di un ufficio provo a rimettere insieme i tasselli di una avventura durata tre giorni, svoltasi su un copione di un film mai scritto, ma che farebbe successo ai botteghini ricordando le tragicomiche situazioni del più sfortunato Fantozzi ragionier Ugo.
E' doveroso premettere che è impossibile ricostruire passo per passo la serie di eventi occorsa, ed ovviamente, ancora devastato da un viaggio senza fine, sono certo di omettere dei passi di comicità assoluta, ma non vogliatemene, è già un miracolo il fatto che abbia le forze di provare a raccontarvi questa storia fantastica.

Sudati ed ansimanti, il fiato corto, gli Sharks Palermo si riuniscono intorno al dirigente/giocatore Guarneri quel martedì sera, al termine di un allenamento faticoso... il solito discorso di preparazione alla battaglia di domenica, i quarti di finale contro i Lions Bergamo, parte in un modo che un po' tutti ci aspettavamo "ragazzi, come sapete si gioca a Bergamo" e fin qui tutto tranquillo, poi è arrivato il panico generale quando è arrivato l'incipit successivo "abbiamo fatto il possibile, provato ogni mezzo e soluzione", potevo leggere la rassegnazione negli occhi di qualcuno, la voglia di darsi fuoco in quelli di altri, "si andrà in treno fino a Milano e poi pullman fino al campo, andata e ritorno, 21 ore e 21 ore. C'è forse una minima possibilità di far spostare la partita a sabato sera, ma ci contiamo poco, ma se così fosse si potrebbe andare in aereo, almeno all'andata". Ci aveva dato una speranza, vedendoci non dico in lacrime ma quasi.
Pregare i santi non serve, lo abbiamo scoperto quando il giorno successivo ci fu detto "ragazzi, niente da fare, si giocherà a Clusone, sulle Alpi, dove c'è organizzata non si sa quale manifestazione per non si sa quale santo, non hanno accolto lo spostamento della partita, denti stretti e si va avanti, siamo Sharks, ste cose le abbiamo già fatte in passato, possiamo farle adesso". Qualcuno la prese a ridere, qualcuno provò a darsi fuoco sul posto, qualcuno passò giorni a cercare di capire dove fosse Clusone... fatto sta che più che la rassegnazione, campeggiava nell'aria quell'alone mistico del CE LA POSSIAMO FARE! Una specie di sacro fervore non si sa dettato da cosa, ma che ormai dilagava senza freni nelle menti sconvolte di una trentina di futuri martiri.

SHARKSTHLON VOLUME 1 - L'ANDATA: DEVASTAZIONE

Alla stazione centrale di Palermo, sabato 18, ore 14 circa, eravamo ancora tutti sorridenti e in forze, caricati di cibo manco fossimo dovuti andare in Polonia a piedi... ma vi anticipo che il cibo non è bastato, siamo stati fin troppo ottimisti sulla trasferta.

Al pronti-via ci si imbarca, e qui la prima sorpresa, veniamo stipati in delle specie di carri-bestiame dei primi dell'800 forse... le dimensioni sono anguste, non c'è la presa di corrente, l'aria condizionata è messa per far figura. Monta la disperazione in tutti coloro che confidavano nell'aiuto dei portatili per passare il tempo... cominciamo bene... giusto per intenderci e per provare a dare una collocazione temporale a quegli scompartimenti, le multe per chi fosse stato sorpreso a fumare variavano dalle 1.000 alle 5.000 LIRE!!!

Monta la protesta di 29 persone tra giocatori e dirigenti... scopriremo poi che a conti fatti, era una sistemazione comoda, vi lascio immaginare il resto del viaggio...

Dopo quasi 3 ore il treno si ferma nella ridente Patti, paesino in provincia di Messina a circa 170 km da Palermo... si ferma sì, per 1 ora... il motivo ci si chiederà, a dirla tutta non è ben chiaro, c'è chi dice che si fosse rotta la nostra locomotrice e che andava sostituita, c'è chi dice che si fosse rotta la locomotrice di un altro treno sul nostro stesso binario, e che la nostra dovesse sostituirla per poi tornare a riprenderci, c'è chi dice che sia scoppiata la guerra... insomma, qualcuno comincia a capire che la trasferta non filerà liscia. Ci si immagina già il giorno dopo a correre dal treno per arrivare a Clusone e giocare, senza il riscaldamento... come eravamo illusi e soprattutto ottimisti!

vi consiglio vivamente di guardare i seguenti video... IL DELIRIO!

http://www.facebook.com/video/video.php?v=180346598690191&comments

http://www.facebook.com/video/video.php?v=180354672022717&comments

http://www.facebook.com/video/video.php?v=180359015355616&comments

Intanto dal mondo cominciano ad arrivare attestati di solidarietà verso la squadra, poichè Alessandro Albanese, sempiterno ricevitore tuttofare, mette su una specie di blog virtuale dove di volta in volta darà ragguagli sulla situazione dei profughi. Il problema è che la gente invece di compatirci ride... ride perchè noi ridiamo. Poi monta un problema atroce e che ci spiazza "minchia, ma come li ricarichiamo i cellulari se non ci sono le prese?", e vista la prospettiva di essere costretti a stazionare nei PROFUMATISSIMI bagni del treno, unico posto con le prese di corrente, si opta per limitare al minimo gli usi del prezioso mezzo di comunicazione.
Arriviamo allo stretto di messina che è già calata la sera (ricordo che la partenza è stata circa SEI ORE prima da Palermo), se la stanchezza c'è non si sente, è ancora latente... scioccamente illusi che ormai il peggio fosse passato, ci mettiamo a dormire (?) chiusi nei nostri loculi medievali, non preghiamo più.

Scoppia il panico poche ore dopo, chiusi nel fetore impenetrabile degli scomparti saturi degli odori di giocatori sudati e stanchi, misti ai sempre presenti profumi delle latrine, veniamo svegliati da grida stile sergente Hartman di Full Metal Jackets, che più o meno suonavano così "Sharks tutti giù! Subito! Fuori dal treno che dobbiamo prenderne un altro! Veloci!".
Nessuno sapeva dove eravamo, che ore fossero, perchè stesse succedendo tutto questo. Fatto sta che in un minuto e trenta cronometrati, tutti i giocatori e relativi borsoni, lanciati fuori dalle finestre del treno, erano sulla banchina della stazione Termini di Roma, con ancora gli occhi gonfi ed il fiato corto, sudati come scimmie tibetane... il treno aveva accumulato oltre 3 ore e mezza di ritardo! Non saremmo mai arrivati in tempo. Quindi un nostro giocatore (Calogero Pecoraro), che lavora nelle ferrovie, era riuscito con un magheggio a trovare un posto in un treno più rapido che da Termini ci avrebbe portati a Milano più in fretta... ma no, così è tutto troppo facile... ancora completamente rincoglioniti, veniamo travolti da altre grida "Shaaaaaaaaarks, tutti su! Il treno è partito e non ce l'abbiamo fatta!", senza dire nulla, i borsoni vengono ri-lanciati nelle carrozze, e noi con loro, e stavolta in meno di un minuto perchè il treno doveva ripartire.

Credetemi, non ne abbiamo capito NULLA, io personalmente dormivo ancora, mi muovevo per inerzia, e come me tanti altri. Paride Zappalà, quarterback, ha confessato di essere pienamente convinto di aver sognato tutto... e secondo me ha ragione!
Pochi istanti dopo l'esercitazione antincendio sopra descritta, insieme alla convinzione che in caso di calamità noi sapremo come salvarci sempre vista la rapidità di esecuzione ordini, arriva la comunicazione che ancora più rapidamente saremmo dovuti scendere dal treno a Firenze per beccare al volo un freccia-rossa che ci avrebbe portato a Milano. In che situazione eravamo? E chi se lo ricorda... i ricordi sono vaghi ed imprecisi, eravamo solo rassegnati.
Giunti a Firenze Campo di Marte, giusto perchè sennò era troppo facile, con tutti i bagagli e facendo una puzza eguagliata solo dalle arcinote latrine del treno, ci infiliamo nella navetta che ci porta a Santa Maria Novella dove ci avrebbe aspettato il treno della speranza.

Che meraviglia di treno il freccia rossa, COMMOSSI, montiamo e ci sistemiamo alla bene e meglio, ci godiamo l'aria condizionata, invadiamo i bagni puliti per poterci lavare (...) e soprattutto ricarichiamo cellulari e portatili. Che comodità, che lusso, a dirla tutta nessuno voleva scendere arrivati a Milano, ci hanno praticamente tirato via a forza. Non finiremo mai di ringraziare Calogero ed il suo dio-treno, senza di lui probabilmente saremmo ancora a vagare per l'Italia.

http://www.facebook.com/?ref=home#!/video/video.php?v=180547935336724&comments

Giunti in quel di Milano, più zombie che umani, ci infiliamo nel pullmino di un allegro color arancione che ci avrebbe portato a Clusone, mitologica località di cui nessuno sapeva nulla. Il ritardo c'era ed ea mostruoso, la strada per arrivare in montagna tutto era meno che veloce, piena di tornanti e curvine anguste... superiamo paesaggi da favola, luoghi di pace assoluta immersi nel verde e senza ombra di civiltà ad inquinarli, i luoghi perfetti dove avresti potuto incontrare Heidi. E si andava su, sempre più su, "ma dove cavolo stiamo andando?" era la domanda più comune da parte di chi non avesse approfittato per dormire in quell'ulteriore ora e mezza di tragitto.

Mettiamo piede allo stadio di Clusone domenica 19 alle ore 14 e 32... a più di 24 ore dalla partenza da Palermo, come eravamo ridotti? Non ne ho ancora idea, non credo che ci fosse anche una sola anima capace di parlare in maniera ragionata, ma ancora una volta c'era il sacro fervore, alimentato dall'aver fatto un viaggio di andata veramente notevole come quantità di imprevisti.
Si entra in campo con i cuori ricolmi di voglia di dare un senso a tutto... si da quello che si può in campo, con appena una ventina di minuti di riscaldamento, si gioca e si perde, contro i Lions in casa, anche in condizioni di assoluto agio, la sconfitta ci sarebbe stata, ma alla fine della fiera, a chi importa? Abbiamo giocato, stanchi prima di cominciare, ma sorretti dall'orgoglio. Dopotutto vi assicuro che la partita è stata solo una brevissima parentesi, filata liscia e senza problemi, tra un incubo e l'altro!

Stay tuned, a breve arriverà lo SHARKSTHLON volume 2: IL MOSTRUOSO RITORNO

Offline carson

  • Heisman
  • ***
  • Post: 1.975
Re:L'ODISSEA DEGLI SHARKS
« Risposta #1 il: Giugno 21, 2011, 11:10:49 pm »
IL RITORNO: (SE ALL'ANDATA PENSAVATE AL PEGGIO, ASPETTATE A DIRLO)

SHARKSTHLON volume 2: IL MOSTRUOSO RITORNO...

Se pensavate che il volume 1 bastava ed avanzava per poter dire che quella degli Sharks è stata una delle trasferte peggiori di tutti i tempi, non avete ancora idea di cosa significhi "Viaggio della speranza"... proviamo ad andare in ordine di eventi, forse è l'unico modo per riportare più eventi possibile...

Il match contro i Lions finisce in tempi che, seppur ristretti, consentirebbero alla compagine palermitana di prendere il mezzo di ritorno per casa, qualunque esso sia. Questa premessa va fatta perchè, ovviamente, non tutti i giocatori potevano permettersi di rientrare a casa a pomeriggio inoltrato di lunedì, principalmente per motivi lavorativi; per questa ragione, sette giocatori scappano letteralmente dal campo di Clusone, senza fare neanche la doccia, nella speranza di arrivare all'aeroporto di Osio (Bergamo) in tempo utile per il volo verso Palermo. Si ringraziano a tal proposito il coach dei Bengals Brescia Gerardo Vera ed un membro della dirigenza Lions (potrei sbagliarmi), che hanno gentilmente offerto ai suddetti giocatori di accompagnarli in auto. Lascerò aperta questa parentesi perchè anche qui ci sarà modo di capire che NULLA è stato facile.

Torniamo ai nostri eroi, non si era neanche rientrati negli spogliatoi per far le docce che il solito sergente Hartman comincia a gridare "Shaaaaaaaaarks, docce velocissimi, sennò si perde il treno! Avete 5 minuti o vi lasciamo qui!" Un qualsiasi essere umano, dopo il mega viaggio di andata ed una partita giocata sotto il picco del sole, l'unica cosa che vorrebbe fare è morire sotto le fredde gocce di quel limpido liquido analcolico di cui la compagine bianco-blu stava cominciando a dimenticare il nome... come non detto, doccia lampo (la mia credo sia durata 30 secondi netti) e via di corsa sul pullmino.

"Dai che ce la facciamo! Dai che ce la facciamo! Autista CORRI!!!!" venti minuti dopo eravamo in retromarcia a cercare di capire quale incrocio aveva sbagliato l'autista... si potrebbe pensare allo sconforto generale, no amici miei, non ancora... trovata la strada giusta, poichè va ricordato che a Clusone si festeggiava non si sa quale santo, finiamo imbottigliati in una coda di traffico serpeggiante della quale non si vedeva la fine! Vi dico solo che in quasi un'ora abbiamo percorso 14 km dal campo da gioco. Bei paesaggi per l'amor di Dio, un campo come pochi altri in Italia, ma quelle stradine tortuose, quelle macchine, quei tornanti... così è troppo! Ormai persa ogni speranza di prendere il treno, Massimiliano Lecat, presidentissimo, comincia a scervellarsi per provare ad immaginare come saremmo potuti tornare a casa, e qui sono venute fuori le proposte più incredibili... alcune vertevano sull'insediarsi abusivamente in case di parenti ed amici nei dintorni, altre nel sequestrare il pullmino e farci portare fino in Sicilia, ma il capolavoro viene fuori dalla proposta SERIA di Riccardo Scalisi, safety Sharks:

"Massimo, ho appena chiamato un mio amico che sta a Bergamo, gli ho spiegato la situazione e lui ci ha preso a cuore. Ha detto che ci ospita per cena nel suo locale e che ci paga anche i biglietti di ritorno per il treno, basta che gli diamo una maglia ed un casco, che lui li espone nel locale". Un enorme punto interrogativo è spuntato sulla faccia spettacolare del presidente, che non ha neanche risposto a Riccardo, rideva e basta, consapevole che se davvero avessimo scelto questa alternativa, saremmo entrati nella storia... ma abbiamo anche noi un orgoglio, e Massimo risponde che ce l'avremmo fatta da soli!

Intanto proviamo ad avere notizie dei 7 dell'ave maria che avevano scelto di andare in aereo, traffico per noi traffico per loro eh... sapete cosa è successo? Sono passati senza fare i controlli all'imbarco, puzzando di cadavere, perdendo uno di loro per strada per poi farlo recuperare dal personale dell'aeroporto... noi eravamo felici, almeno qualcuno ce l'aveva fatta, s'era salvato! Ebbene, loro sono arrivati a Palermo.

Il pullmino era in uno strano stato, c'era chi dormiva, chi non riusciva a credere che davvero stesse succedendo di tutto, chi pregava perchè il nostro treno ricordasse di essere un treno e ritardasse come tradizione comanda, in modo poterlo prendere, ma la maggior parte della gente rideva... ridevamo come ebeti perchè ormai eravamo in ballo, e volevamo capire fin dove il destino potesse portarci. Insomma, contrariamente a quanto CHIUNQUE avrebbe fatto, non solo non ci siamo disperati, ci scherzavamo anche su, e non appena il traffico è diminuito (si parla di almeno 30 km dal campo), abbiamo costretto l'autista ad andare a velocità sperimentate solo dalla NASA.

Sapete qual'è il bello? Che con tutto sto ritardo mostruoso, abbiamo anche rischiato di prenderlo il treno! Giunti davanti alla stazione di Milano, due giocatori in infradito hanno cominciato a ciabattare nella speranza di fermare il treno, anche buttandosi sui binari o dando un allarme bomba! Ma nulla, il treno è partito, lo abbiamo mancato di 5 minuti buoni. Con relativa calma (si fa per dire), la squadra di disperati si addentra nella stazione nella speranza di riuscire a far qualcosa e qualcosa in effetti si fa...

"Shaaaaaaarks Correteeeeeee! Tutti al binario 19, infilatevi in quel treno senza fare domande!" e chi avrebbe mai potuto fare domande? Ci siamo lanciati nuovamente dentro un freccia rossa diretto a Bologna, senza biglietti, senza capire perchè, intanto si andava a Sud, era già un traguardo!
Saliti sul treno, dopo esserci sistemati alla bene e meglio, cominciano a venir fuori teglie di pasta e riso, abbiamo mangiato come idrovore con la hostess che ci implorava di non far casino visto che eravamo in prima classe... è stata brutalmente ignorata...
Leggermente più rilassati, a mente fredda, ci viene annunciato il piano diabolico, visto che stavamo su un freccia-rossa, più veloce dell'espresso che dovevamo prendere, contavamo di arrivare a Bologna prima del nostro treno ed intercettarlo al volo. Idea brillante, se non fosse che il capotreno ci disse in tutte le lingue del mondo che non ce l'avremmo potuta fare MAI. Ma eravamo a livelli dove la follia aveva abbondantemente superato la ragione, erano le 10 di sera passate, chi mai poteva impedirci di pensare che almeno UNA cosa potesse andar bene?
Insomma, c'erano alcuni di noi che facevano la spoletta con il monitor interno al treno che dava in tempo reale l'aggiornamento sugli orari dei treni a Bologna... e magia delle magie, eravamo in anticipo di 2 minuti sull'altro!!! E vai di chiamate e controchiamate per chiedere di aspettarci... ma nulla, sapete, le ferrovie dello stato sono intransigenti, se si parte ad un'ora quella deve essere! Quando mai avete visto un treno in ritardo???

Comunque si arriva a Bologna ed il piano è sempre quello, lanciare due velocisti verso il binario dove doveva stare il nostro treno ed improvvisare qualcosa per farcelo prendere. CE LA POSSIAMO FARE! La cosa sorprendente è che ancora c'erano le energie per abbozzare questo genere di follie... Arriviamo a Bologna senza neanche aspettare che il treno si fermasse, e stile diligenza in corsa, ci siamo lanciati sulla banchina alla ricerca del nostro treno e puff! I velocisti se lo vedono sfilare via davanti... abbiamo mancato il treno di meno di un minuto... EVVIVA LA VITA!!!

Ancora una volta non c'è spazio per la disperazione, si ride perchè non si può fare altro... a che punto siamo arrivati? Credetemi, ancora il bello deve venire.

Giunge una voce che ci dice che volendo, dopo dopo due ore circa (leggasi 1:18 di lunedì 20), sarebbe partito un espresso per Napoli, e che lì si poteva prendere una coincidenza per Palermo. Proviamo, come va va. E qui sorgeva un problema, come cavolo si fa a prendere sto treno visto che siamo senza biglietti e soldi?
Qui la rinomata arte dell'arrangiarsi diventa storia: raccontando la nostre triste storia al centro assistenza della stazione, e aggiungendo qualche dettaglio spudoratamente falso sul fatto che s'era una comitiva di minorenni, si riesce a fare in modo che i nostri biglietti originali venissero trasformati nei biglietti per questo nuovo treno + quello che ci avrebbe portato a Palermo... le ferrovie dello stato hanno un cuore!

Ed in effetti il cuore ce lo hanno avuto anche quando ci hanno detto "guardate che però il treno è pieno"
"non fa nulla, lo prendiamo"
"ma guardate che è pieno pieno, ma proprio pieno"
"tranquilli, ce la possiamo fare"
"noi vi abbiamo avvertito..."

E giunse la parte migliore dell'intero viaggio, l'espresso Bologna-Napoli delle 1:18, orario previsto d'arrivo 9 e 30... otto ore e docici minuti di AGONIA.

Avete presente i treni indiani dove la gente deborda dai finestrini? Si riporta una foto esplicativa, ecco, era peggio.

Stipati in una carrozza ABOMINEVOLE, nel corridoio, una ventina di giocatori, con annessi borsoni, caschi e paraspalle, si sistemano alla bene e meglio per ipotizzare di passare la notte. Vi giuro sulla mia vita che non sono razzista, ma il dettaglio omesso è che la carrozza era completamente piena di immigrati africani dalla pulizia quantomeno opinabile e dagli odori "forti". Sapete cosa? noi puzzavamo di più ed aravamo ben più sporchi! Ed inoltre, se il puzzo dei bagni all'andata era forte, stavolta era OSCENO, credetemi, si faticava a respirare col naso... abbiamo toccato il fondo.

Adesso, non esiste modo di descrivere come fossimo accomodati in quel corridoio... eravamo stratificati l'uno sull'altro, con i borsoni (alcuni), usati come letti improvvisati anche da altri ospiti del carrozzone, il problema era che il corridoio era comunque troppo stretto. Non c'era fisicamente spazio per sdraiarsi, alcuni sono rimasti in piedi messi a sandwitch tra qualcosa che potesse sorreggerli nel sonno improvvisato, un coraggioso Ivan Alba sceglie l'idea del secolo "io dormo sulla cappelliera", scoppia l'ilarità generale, mentre lui si arrampica la gente si affaccia per godersi lo spettacolo, e quando finalmente si sistema scoppia l'applauso ed il tripudio generale.
Vi assicuro che vedere dei profughi africani, guardarci con un misto di schifo e vergogna, è qualcosa di allucinante. Nel frattempo otto giocatori spariscono, nessuno di noi ha la forza di fare domande... scopriremo in seguito che questi individui hanno corrotto un controllore per farli imboscare in una cabina vuota dove hanno comodamente riposato... BASTARDI! :D

meraviglioso contributo video http://www.facebook.com/video/video.php?v=181190031939181&notif_t=video_tag

Alle 9 e 30, puntuali, veniamo vomitati giù da quel mezzo di trasporto partorito da un incubo di un maniaco, e Napoli ci accoglie, siamo ridotti allo stremo delle forze, siamo delle anime vaganti con gli occhi completamente bianchi che invece di parlare biascicano e provano a gesticolare... eppure ci aspetta ancora l'intercity che ci porterà a Palermo, altre nove ore almeno di viaggio. Ma per fortuna il treno è semivuoto, c'è spazio per tutti, e ci sistemiamo negli scompartimenti pronti ad uccidere nel caso chiunque avesse avuto qualcosa da ridire... ma una cosa va detta... il treno arrivato a Messina si sarebbe diviso in due, una parte per Palermo e l'altra per Siracusa, eravamo certi che qualcuno sarebbe finito a Siracusa, ma non ce ne preoccupavamo... aver superato la notte sul bologna-napoli è come essere sopravvissuti al Vietnam, cosa può esistere di peggio nell'universo?

Penserete sia finita, e invece NO.

Giunti allo stretto di Messina, un gruppo di impavidi giocatori decidono di averne abbastanza del treno, ed optano per montare sul traghetto a piedi, previa sosta al bar per rifocillarsi... risultato? Il traghetto parte senza di loro.

Le risate sono a crepapelle, ed il bello è che quelli che sono rimasti a Villa San Giovanni, invece di preoccuparsi, ridevano anche loro! Ma essendo ormai artisti dell'arrangiarsi, i sei clandestini hanno preso un aliscafo e si sono fatti trovare lindi e pinti alla stazione di Messina, dove hanno ripreso il treno smarrito. Qui ormai avevamo la certezza che nulla al mondo può impedirci di arrivare dove dobbiamo arrivare... la metà di quello che finora è successo avrebbe scoraggiato Bear Grylls, non noi.

Le ultime ore di viaggio verso Palermo scivolano via stranamente senza intoppi, si fa la conta di morti e feriti e pare che ciamo ancora tutti, e si decide che d'ora in avanti ognuno di noi dovrà portare il nome Kamikaze ad imperitura memoria degli eventi. Sarà emblematica la frase di Massimiliano Lecat, ormai a Palermo, che più o meno recita "ragazzi, ma vi immaginate se avessimo vinto? Domani allenamenti, poi organizzare tutto per la partita con i Barbari, il campo, il loro albergo, il pullman, arbitri, ambulanze... poi magari vincevamo anche quella, e si doveva andare a Torino, tutti a piedi forse... meno male che abbiamo perso!" ovviamente lo diceva ridendo, nessuno vuole perdere, e comunque saremo SEMPRE pronti al sacrificio, whatever it takes.

Alle 19 e 30 di lunedì 20 giugno, 55 ore dopo aver cominciato la trasferta, gli Sharks Kamikaze Palermo rimettono piede nella loro città, accolti da una torma di tifosi e parenti che li acclamano come gli eroi di tutti i tempi, coloro che hanno portato a termine una impresa nell'impresa, e che nel frattempo, così per svagarsi, hanno anche giocato una partita a football!


Credo non ci sia altro da dire, ma come detto, nulla può riuscire a descrivere appieno le situazioni vissute, le cose che abbiamo visto e fatto... credetemi, sono cose che ci porteremo dietro per la vita...


IN UNA SOLA PAROLA, STRAORDINARI. :stillers:

Offline Cobain

  • Il Fondatore
  • MVP
  • *******
  • Post: 9.299
  • Born to be wild
    • Modena Web Design
  • Calcio: AC Milan
  • MLB: What?
  • NBA: LA Lakers
  • NCAA F: Mmm!
  • NFL: Pittsburgh Steelers
  • NHL: Uh?
Re:L'ODISSEA DEGLI SHARKS
« Risposta #2 il: Giugno 22, 2011, 03:21:20 am »
straordinario, sto ridendo come un matto a quest'ora...

incredibile l'odissea di questi ragazzi, però fa riflettere..sia sulla grande passione che chi gioca a football deve metterci in casi come questo, sia sul football italico che finche avrà lacune come queste (societarie, di organizzazione, di soldi) beh, farà sempre fatica

grazie comunque carson per aver condiviso :drinks:
My football collection: http://nfiforum.altervista.org/index.php?topic=7501.msg321791#msg321791
Gente che non viene più qua, perdendo rapporti ed amicizie con altre persone, pensando di fare un torto a me o di mettermela nel culo: ma come siete messi?

Offline Axel

  • Veteran
  • ***
  • Post: 3.079
  • Calcio: Juventus
  • NFL: Saints
Re:L'ODISSEA DEGLI SHARKS
« Risposta #3 il: Giugno 22, 2011, 01:02:05 pm »
grande racconto.. peccato per i video non più disponibili.

comunque purtroppo (...o per fortuna) in italia il football è questo: uno sport puro, dove chi lo pratica è spinto dalla sola voglia di divertirsi e di non mollare mai.. cose che in altri sport sono state soppiantate da ben altri interessi.
Inoltre, la collaborazione tra i vari team, come abbiamo visto nel racconto, è fondamentale.
A tal proposito, vi faccio presente un altro episodio simpatico (si fa per dire..) riguardante sempre i sharks, avvenuto proprio il turno precedente i quarti, ovvero la wildcard contro i giaguari torino:

cit. sito sharks
"i Giaguari, scesi a Palermo su due aerei, si son visti smarrire numerosi borsoni contenenti non solo l'attrezzatura da gioco (caschi e paraspalle), ma anche le maglie da gioco ed i pantaloni... il match dunque ha rischiato seriamente di non potersi disputare, se non fosse stato per il provvidenziale supporto dell'altra squadra palermitana, i Cardinals, militanti in CIF9, che ha prontamente "vestito" il team piemontese permettendogli di affrontare l'importantissima gara di wild card."

Fenomenali  :idolo:

Offline Cobain

  • Il Fondatore
  • MVP
  • *******
  • Post: 9.299
  • Born to be wild
    • Modena Web Design
  • Calcio: AC Milan
  • MLB: What?
  • NBA: LA Lakers
  • NCAA F: Mmm!
  • NFL: Pittsburgh Steelers
  • NHL: Uh?
Re:L'ODISSEA DEGLI SHARKS
« Risposta #4 il: Giugno 22, 2011, 01:04:26 pm »
grande racconto.. peccato per i video non più disponibili.

comunque purtroppo (...o per fortuna) in italia il football è questo: uno sport puro, dove chi lo pratica è spinto dalla sola voglia di divertirsi e di non mollare mai.. cose che in altri sport sono state soppiantate da ben altri interessi.
Inoltre, la collaborazione tra i vari team, come abbiamo visto nel racconto, è fondamentale.
A tal proposito, vi faccio presente un altro episodio simpatico (si fa per dire..) riguardante sempre i sharks, avvenuto proprio il turno precedente i quarti, ovvero la wildcard contro i giaguari torino:

cit. sito sharks
"i Giaguari, scesi a Palermo su due aerei, si son visti smarrire numerosi borsoni contenenti non solo l'attrezzatura da gioco (caschi e paraspalle), ma anche le maglie da gioco ed i pantaloni... il match dunque ha rischiato seriamente di non potersi disputare, se non fosse stato per il provvidenziale supporto dell'altra squadra palermitana, i Cardinals, militanti in CIF9, che ha prontamente "vestito" il team piemontese permettendogli di affrontare l'importantissima gara di wild card."

Fenomenali  :idolo:

pero, episodi come questi, seppur bellissimi, non ti danno anche un mix di tristezza vedendo il football nostrano come spesso si riduce?
My football collection: http://nfiforum.altervista.org/index.php?topic=7501.msg321791#msg321791
Gente che non viene più qua, perdendo rapporti ed amicizie con altre persone, pensando di fare un torto a me o di mettermela nel culo: ma come siete messi?

Offline Axel

  • Veteran
  • ***
  • Post: 3.079
  • Calcio: Juventus
  • NFL: Saints
Re:L'ODISSEA DEGLI SHARKS
« Risposta #5 il: Giugno 22, 2011, 01:12:08 pm »
pero, episodi come questi, seppur bellissimi, non ti danno anche un mix di tristezza vedendo il football nostrano come spesso si riduce?

si abbastanza.. però preferisco assistere a vicende come queste, che incarnano ancora i veri principi dello sport..
invece che altre, riguardanti scommesse, partite vendute e quant'altra merda.
In parole povere, il football è uno sport di nicchia in italia? a volte mi viene da pensare... meglio così!

Offline vanze69

  • Rookie
  • ***
  • Post: 2.268
  • Thanks for the memories...FAVRE #4
  • Calcio: Inter/Celtic
  • MLB: New York Yankees
  • NBA: Houston Rockets
  • NCAA F: Southern Mississippi
  • NFL: Minnesota Vikings
  • NHL: Anaheim Ducks
Re:L'ODISSEA DEGLI SHARKS
« Risposta #6 il: Giugno 22, 2011, 04:56:14 pm »
dio mio che avventura...sembra un film..incredibile...

se passo io quello che hanno passato loro mando tutti a fare in culo... :stica:

da qui si vede l'amore x lo sport e anche però come è ridotto il football in italia... :si: :si:
the nfl's all-time winningest quarterback...

the legend FAVRE #4

Offline broncos

  • Senior
  • **
  • Post: 632
  • Calcio: Trastevere Calcio
  • NFL: broncos
Re:L'ODISSEA DEGLI SHARKS
« Risposta #7 il: Giugno 24, 2011, 02:27:11 pm »
 :buff: :idolo:GRANDI!!!!

Offline Cobain

  • Il Fondatore
  • MVP
  • *******
  • Post: 9.299
  • Born to be wild
    • Modena Web Design
  • Calcio: AC Milan
  • MLB: What?
  • NBA: LA Lakers
  • NCAA F: Mmm!
  • NFL: Pittsburgh Steelers
  • NHL: Uh?
Re:L'ODISSEA DEGLI SHARKS
« Risposta #8 il: Giugno 24, 2011, 05:35:29 pm »
:buff: :idolo: GRANDI!!!!

hey, ma sbaglio o non ti si vedeva da secoli qua? :drinks:
My football collection: http://nfiforum.altervista.org/index.php?topic=7501.msg321791#msg321791
Gente che non viene più qua, perdendo rapporti ed amicizie con altre persone, pensando di fare un torto a me o di mettermela nel culo: ma come siete messi?

Offline broncos

  • Senior
  • **
  • Post: 632
  • Calcio: Trastevere Calcio
  • NFL: broncos
Re:L'ODISSEA DEGLI SHARKS
« Risposta #9 il: Luglio 12, 2011, 09:08:13 am »
hey, ma sbaglio o non ti si vedeva da secoli qua? :drinks:
:fiu:impegni di lavoro? :mapor...:scherzo postavo poco ma mi collegavo quasi quotidianamente sai in off season ciao :ciaosci: :drinks: