Autore Topic: Ma per fare il coach?  (Letto 2016 volte)

0 Utenti e 3 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline MatteMebo

  • Sophomore
  • **
  • Post: 185
  • Calcio: odio il calcio
  • NCAA F: USC
  • NFL: New York Giants
Ma per fare il coach?
« il: Gennaio 10, 2014, 12:21:37 pm »
Ciao a tutti..abito in provincia di torino e volevo sapere come si può fare per diventare coach di football dato che e una mia grande passione..chiunque ne sappia qualcosa mi fornisca tutte le informazioni necessarie..grazieeee!!! :drinks: :drinks:

Offline joker

  • Moderatore della sezione
  • Idolo delle folle
  • ****
  • Post: 17.792
  • Calcio: Genoa
  • NCAA F: Notre Dame
  • NFL: San Francisco 49ers
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #1 il: Gennaio 10, 2014, 02:44:33 pm »
Ciao a tutti..abito in provincia di torino e volevo sapere come si può fare per diventare coach di football dato che e una mia grande passione..chiunque ne sappia qualcosa mi fornisca tutte le informazioni necessarie..grazieeee!!! :drinks: :drinks:

Mia opinione personale per aver bazzicato un po' le squadre liguri qualche anno fa.

Vedo difficile poter essere presi sul serio ed essere credibili nel fare l'allenatore se prima non si è cmq un po' giocato anche a livello molto basso.

A meno che uno non si proponga di allenare ragazzini molto piccoli ma anche lì bisogna essere dei buoni insegnanti ossia conoscere la tecnica e soprattutto essere in grado di saperla mostrare.

In ogni caso in bocca al lupo. Se ci credi ed il tuo sogno non farti scoraggiare e vai avanti :drinks:

Offline moss84

  • Dinasty League Staff
  • Hall of Famer
  • ***
  • Post: 14.274
  • " cazzo che idea! "
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #2 il: Gennaio 10, 2014, 03:04:55 pm »
Concordo con Max, credo che si dia precedenza a chi ha giocato o comunque ha fatto pratica in America nel ruolo, almeno per quanto riguarda la lega maggiore italiana.
Del resto se pensiamo che i Seamen Milano avevano come HC Joe Avezzano capisci che il livello dei coach non è proprio basso.
Diverso è il discorso delle giovanili o del flag football.
A Milano io conosco Luca Claudio Evangelista (utente dolfanitalia ) che allena i ragazzini.

Qui in questo forum credo che anche lo zio Ponchia possa darti una risposta, lui è lo storico del football barese oltre che un allenatore nel CIF 9 a Bari !


 :okoks:

Offline MatteMebo

  • Sophomore
  • **
  • Post: 185
  • Calcio: odio il calcio
  • NCAA F: USC
  • NFL: New York Giants
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #3 il: Gennaio 10, 2014, 03:10:13 pm »
Allenare i ragazzini sarebbe perfetto xke rimarrebbe come passione:-)

Offline Bears54

  • Moderatore della sezione
  • Idolo delle folle
  • ****
  • Post: 20.212
  • NBA: Chicago Bulls
  • NFL: Chicago Bears
  • NHL: Chicago Blackhawks
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #4 il: Gennaio 10, 2014, 03:49:16 pm »
- K a MatteMebo che non si è ancora messo un avatar  :druso: :druso: :adler:
VICENZA CORSAIRS OWNER & GM - MADDEN 12 Season 1 JIM MADDEN LEAGUE SUPERBOWL CHAMPION


“People ask me if I could fly, I said, "yeah.... for a little while."” Michael J. Jordan

Offline MatteMebo

  • Sophomore
  • **
  • Post: 185
  • Calcio: odio il calcio
  • NCAA F: USC
  • NFL: New York Giants
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #5 il: Gennaio 10, 2014, 04:10:33 pm »
Hai ragione..lo devo mettere:-)

Offline ponchia

  • Hall of Famer
  • *****
  • Post: 12.023
  • Il mio angolo di cielo è un triangolo di pelo
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #6 il: Gennaio 10, 2014, 04:17:06 pm »
Per allenare in Italia, bisogna essere abilitati, cioè fare un corso e prendere il patentino di primo livello, poi di secondo ecc.
I corsi si organizzano spesso in tutte le regioni, il costo è di 50 euro per il corso e di 80 per l'esame (o il contrario, non ricordo).
Se sei in piemonte puoi chiedere ai Giaguari Torino o altre squadre nei dintorni e informarti su quando si terrà un nuovo corso.
E' vero che è un pò difficile entrare nell'ambiente, credo sia meglio per te andare da una squadra e chiedere di potere fare un periodo da assistente, in modo da farti conoscere e farti anche una idea, perchè siamo molto lontani dagli standard di allenamento USA.
Poi l'esperienza conta molto, ma quella te la fai con la pratica e essendo sempre presente agli allenamenti, partite ecc...

P.S. @Moss: io ero coach del team senior a Barletta con i Green Hawks, a Bari sono il responsabile del settore giovanile.
Poi, avendo i capelli bianchi e qualche lustro di esperienza sul campo, qualcosa la dico anche in senior, ma non è roba mia.
 

Offline ponchia

  • Hall of Famer
  • *****
  • Post: 12.023
  • Il mio angolo di cielo è un triangolo di pelo
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #7 il: Gennaio 10, 2014, 04:22:19 pm »
[email protected] per chiedere lumi in federazione

http://www.fidaf.org/
Il sito della federazione, naviga un pò e qualcosa sui corsi dovresti trovarla
 

Offline moss84

  • Dinasty League Staff
  • Hall of Famer
  • ***
  • Post: 14.274
  • " cazzo che idea! "
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #8 il: Gennaio 10, 2014, 05:01:52 pm »
P.S. @Moss: io ero coach del team senior a Barletta con i Green Hawks, a Bari sono il responsabile del settore giovanile.
Poi, avendo i capelli bianchi e qualche lustro di esperienza sul campo, qualcosa la dico anche in senior, ma non è roba mia.

OK, comunque lo sapevo che eri uno informato sui fatti !

 ;)

Offline carson

  • Heisman
  • ***
  • Post: 1.975
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #9 il: Gennaio 12, 2014, 01:24:44 pm »
Ciao a tutti..abito in provincia di torino e volevo sapere come si può fare per diventare coach di football dato che e una mia grande passione..chiunque ne sappia qualcosa mi fornisca tutte le informazioni necessarie..grazieeee!!! :drinks: :drinks:

ho giocato in 3 squadre e visto almeno altri 4 team allenarsi, ti posso assicurare che in italia l'allenatore medio non è minimamente preparato ad allenare.
quasi sempre si tratta di ex giocatori, ma le capacità organizzative sono scarsissime, come anche i loro drill.

l'allenamento classico in italia è pieno di tempi morti, che uniti allo scarso minutaggio settimanale sul campo, provocano enormi lacune ai giocatori e una crescita molto più lenta del previsto sotto il profilo tecnico.

molti allenatori pensano che esercizi come l'oklahomna drill possano servire ad apprendere la tecnica E QUESTO fa ben capire quanto capiscano di tecnica.
inoltre, è radicato in loro l'essere cresciuti in italia dove il calcio la fa da padrone, spesso infatti insistono nel far correre inutilmente i giocatori, quando ad essi serve solo:
velocità,agilità e potenza, 3 cose che non migliori di certo correndo come un cretino.

quindi, meno impari da loro e meglio è.

l'utente che ha suggerito di entrare in un team come assistente ha pienamente ragione, ma una volta entrato e magari in 2-3 stagioni riuscirai ad ottenere il ruolo, NON applicare ciò che hai visto.
documentati su siti americani, anche youtube può essere una risorsa se conosci l'inglese, ma lascia perdere gli allenatori italiani.

l'unico da imitare in italia è papoccia, e nonostante il nome non è italiano

Offline ponchia

  • Hall of Famer
  • *****
  • Post: 12.023
  • Il mio angolo di cielo è un triangolo di pelo
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #10 il: Gennaio 13, 2014, 12:03:14 pm »
ho giocato in 3 squadre e visto almeno altri 4 team allenarsi, ti posso assicurare che in italia l'allenatore medio non è minimamente preparato ad allenare.
quasi sempre si tratta di ex giocatori, ma le capacità organizzative sono scarsissime, come anche i loro drill.

l'allenamento classico in italia è pieno di tempi morti, che uniti allo scarso minutaggio settimanale sul campo, provocano enormi lacune ai giocatori e una crescita molto più lenta del previsto sotto il profilo tecnico.

molti allenatori pensano che esercizi come l'oklahomna drill possano servire ad apprendere la tecnica E QUESTO fa ben capire quanto capiscano di tecnica.
inoltre, è radicato in loro l'essere cresciuti in italia dove il calcio la fa da padrone, spesso infatti insistono nel far correre inutilmente i giocatori, quando ad essi serve solo:
velocità,agilità e potenza, 3 cose che non migliori di certo correndo come un cretino.

quindi, meno impari da loro e meglio è.

l'utente che ha suggerito di entrare in un team come assistente ha pienamente ragione, ma una volta entrato e magari in 2-3 stagioni riuscirai ad ottenere il ruolo, NON applicare ciò che hai visto.
documentati su siti americani, anche youtube può essere una risorsa se conosci l'inglese, ma lascia perdere gli allenatori italiani.

l'unico da imitare in italia è papoccia, e nonostante il nome non è italiano

Discorso in gran parte condivisibile, ma un tantino estremizzato.
In Italia c'è anche qualcuno capace, ridurre il tutto ad una sola persona mi sembra un pò riduttivo e ingeneroso.
Il paragone con gli States è improprio e inutile. Per una serie di motivi.
1) da loro si allenano ogni giorno
2) è il loro sport, mi sembra ovvio che siano molto avanti
3) questione di cultura sportiva, da noi ci si avvicina al football intorno ai 18 anni, da loro a due anni hanno il pallone in mano.

E poi c'è la madre di tutte le motivazioni: le risorse economiche.
Nel mio piccolo ho ricoperto tutti i ruoli che si possano ricoprire in una squadra, tranne il presidente. Giocatore, addetto alle statistiche, assistent coach, coach, consigliere, addetto stampa, magazziniere, porta acqua ecc ecc. Quindi so cosa dico.
I ragazzi che iniziano a giocare si documentano, come tu dici (internet, youtube ecc) e ovviamente fanno il paragone con quello che vedono, cioè il football USA. Che è quanto di più sbagliato si possa fare, non come principio (ovviamente è a quello standard che ci si deve ispirare) ma nel senso che è fuorviante di quella che è la nostra realtà.
Far venire un coach capace dagli States costa parecchio, aggiungici i costi di gestione tipo campo, attrezzature, campionato, arbitri, ambulanze ecc e capisci bene che, da parte della dirigenza del 90% delle nostre squadre è durissima. E siccome sono tutti costi imprescindibili se vuoi giocare, quando hai uno sponsor che ti da 20mila euri l'anno (ripeto, il 90% delle squadre e mi sto tenendo largo) puoi tagliare solo sul coach e quindi ti affidi agli ex giocatori che lo fanno gratis e alla loro esperienza. Poi, che tra questi ce ne siano moltissimi incapaci siamo daccordo pienamente.
Però finiamola di fare paragoni con gli USA perchè non servono e sono dannosi. Ai ragazzi che ho allenato e che alleno dico sempre una cosa:"Guardate tanta NFL, tanta NCAA, ma ricordatevi sempre che quello è uno sport simile al vostro ma NON è lo stesso sport al 100%".
Così come gli dico che da me possono imparare anche molto, ma il vero salto di qualità lo faranno quando la squadra potrà permettersi un coach americano con i controcazzi (come avvenne per me all'epoca dei dinosauri) e mandare il sottoscritto a reggere i fogli del suddetto coach...
 

Offline carson

  • Heisman
  • ***
  • Post: 1.975
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #11 il: Gennaio 14, 2014, 12:52:39 pm »
condivido tutto quello che hai detto, ma io non ho scritto che in italia devono allenarsi come in america per tempo impiegato e risorse economiche.
ho semplicemente detto che ho visto allenamenti di squadre ridicoli, con drill che non aumentano certo le qualità tecniche di un giocatore.
ho visto allenatori fare 2 mesi di preparazione atletica, IN UNO SPORT ANAEROBICO, è ridicolo.

per giudicare un allenatore se capace o meno, basta vedere come si riscalda la sua squadra prima di una partita.
sono stato in usa 7 volte negli ultimi 2 anni ed ho assistito come spettatore al tc dei miami hurricanes, forse a fine anno potrò finalmente trasferirmi a tampa, dove faccio avanti e indietro da 1 anno e mezzo e vendo abitazioni.
non voglio paragonare quella gente alla nostra gente, dico semplicemente che i loro sistemi sono molto più innovativi dei nostri.

ho visto allenamenti in italia di 2 ore divisi in:
-30 min di corsa e stretching
-30 min di vecchi drill "tecnici"
-1 ora di inutile scrimmage attacco vs difesa.
tutto questo a 3 mesi dal campionato.

lasciamo poi da parte i playbook, dove gli allenatori spesso esagerano sia nella forma che nella quantità.

ero a milano durante la partita danimarca vs italia, ho visto i danesi annientare la squadra italiana con 25, forse 30 giochi offensivi.
al contrario ho visto playbook di allenatori italiani composti da oltre 150 giochi con alcune varianti.
collaborano con gente che durante il giorno lavora spesso e questi fanno dei playbook lunghissimi, quando qualunque squadra ben allenata con 30 giochi a memoria e di perfetta esecuzione potrebbe battere qualsiasi avversario.


forse sono stato sfortunato a vedere solo allenatore scarsi (1 ifl e tutte le altre lenaf).

Offline ponchia

  • Hall of Famer
  • *****
  • Post: 12.023
  • Il mio angolo di cielo è un triangolo di pelo
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #12 il: Gennaio 14, 2014, 04:09:31 pm »
Totalmente daccordo sul discorso dei playbook.
Qui la maggior parte dei coach fa dei playbook della madonna (molti poi li copiano via web). Giochi bellissimi, sofisticati, una goduria.
Il problema è che un playbook lo si fa in base al personale che hai a disposizione non in base alla sua "bellezza".
Personalmente ho visto playbook con incroci delle linee e pulling delle linee spettacolari.
Peccato fossero per delle squadre in cui la linea migliore era 130 kg (di cicca e non muscoli) e correva le 40 yds in 5 secondi e mezzo nella ipotesi migliore.
Risultato: sul campo una chiavica.
Nel mio piccolo, per i ragazzi delle giovanili, faccio playbook con pochi giochi (15/20 al massimo) e glieli faccio ripetere fino alla noia. Ho vinto un campionato sperimentale arena (8 vs 8) con un playbook di 10 giochi offensivi in totale.
Semplicemente erano studiati in base al livello della squadra e del personale a disposizione.
 

Offline Piergiu74

  • Pro Bowler
  • ***
  • Post: 6.405
Re:Ma per fare il coach?
« Risposta #13 il: Gennaio 26, 2014, 02:27:24 pm »
Ci sono in Italia coach preparatissimi e seghe...come in tutte le cose della vita, chi vuol far bene ha il modo per farlo.