Autore Topic: Bowl BCS e non. Si vince sempre a Las Vegas e poi ci si gode il resto.  (Letto 2840 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Rino

  • Redattore
  • Junior
  • **
  • Post: 424
Re:Bowl BCS e non. Si vince sempre a Las Vegas e poi ci si gode il resto.
« Risposta #15 il: Gennaio 10, 2013, 06:22:45 pm »
... nella seconda (non) chiamata (il muff) c'e' qualcosa che non abbiamo capito o che non sappiamo del regolamento.Se riguardiamo le immagini notiamo che i commentatori ad un certo punto della partita parlano con il responsabile arbitri via telefono (tipo Mike Pereira tanto per intendersi) che gli  spiega una regola sui ritorni (ero distratto) ma che fa esclamare ai telecronisti : "so it's the right call".  :mahchedevofà: :mahchedevofà: :mahchedevofà:

Nella telecronaca è stato spiegato dall' "esperto" (il Pereira della NCAA) che da regolamento l'interferenza sul ritorno di punt, in caso di fair catch, può essere chiamata anche nel caso non ci sia un contatto diretto tra il ritornatore ed uno dei giocatori del kicking team, basta semplicemente l'ostruzionismo nelle vicinanze da parte di quest'ultimi... per questo motivo la chiamata è stata ritenuta giusta in un secondo momento dai commentatori che hanno detto "so it was the right call".  Tuttavia il segnale di fair catch è arrivato con un ritardo a mio giudizio eccessivo da parte del ritornatore e pertanto  non avrebbe dovuto essere chiamata l'interferenza ma il muff... muff causato dal contatto tra ritornatore e teammate tra l'altro per cui a maggior ragione chiamata abbastanza infelice.

Al di la di questo, non c'è stata proprio partita e non ci sarebbe stata comunque, muff o non muff. La differenza di pesi in campo era abissale.